Bea e Filippo

Bea e Filippo

lunedì 21 ottobre 2013

Compiti... ci siamo!

Dovevano per forza arrivare... prima o poi. Il poi è durato poco. 
Ieri siamo stati alle prese con la prima vera sfornata di compiti. Beatrice doveva terminare un lavoro di italiano ("disegnare 4 o 5 oggetti che terminano con la o") e fare matematica. 
Primo problema: la lettura del diario. "Matematica, completare le pagine 3-7 sull'eserciziario". Domanda: deve fare la pagina 3 e la pagina 7, o dalla 3 alla 7?
Wazzappo col mio amico interista (papà di una compagna di Bea): "Noi abbiamo capito 3 e 7, risponde lui... già che ci sei - mi scrive - ma di italiano che devono fare che la mia ha scritto una cosa incomprensibile?". Siamo a posto. 
Mia moglie, malfidente,  parte di sms con alcune mamme. il 3 e 7 batte dal 3 al 7, solo 3 a 2. Di in soffio. regna l'incertezza. Noi comunque optiamo per la scelta minimalista e democratica.
Dopo un quarto d'ora di dubbi si parte.
In casa ci disponiamo nel seguente modo: io e Filippo decidiamo di sfruttare il momento di pace, apparente, e  ci mettiamo a giochicchiare in sala. Lo ammetto,  ogni tanto sbircio diretta gol. Di là (in cameretta) mamma e Bea alle prese con i compiti. Mi sembra equo.
"Mamma mi aiuti?". "Cara Bea: ti aiuto a leggere che cosa devi svolgere - come chiede la maestra -  però poi tocca a te. Capito? Il compito è tuo, non mio". Mamma integralista: l'autonomia come conquista fondamentale. 
Mamma legge e Bea esegue... passano pochi minuti: "Bea, cerca di essere più precisa... Bea non distrarti, cancella meglio...". "Mamma qui mi sa che ho sbagliato." "Ma no che è giusto... aspetta, hai ragione. Hai sbagliato!". "Mamma non distrarti...".
Dopo circa un'oretta. "Ma come stai colorando... tutto storto, Bea, per favore cerca di essere precisa e di fare bene il compito". "Mamma, sono stanca. Mi sto annoiando." "Su cerca di finire... poi arriva la tua amichetta e uscite a giocare". "No, sono stufa..." . 
E inizia la litania mamma e figlia. Quelle due quando ci si mettono danno il meglio.
Pochi minuti, belli intensi: Bea lancia una matita, la mamma sgrida. Bea frigna. Mamma non cede.... Bea di fatto è salvata dal citofono: è arrivata l'amica. Propongo una tregua. Siamo pure all'intervallo delle partire e in più la Juve vince 2 a 0 ..azz. (per poi godere del risultato finale).
"Bea, Chiara, Filippo usciamo... la mamma deve riposare, dopo tutti sti compiti... e sghignazzo"
Fuggo appena in tempo per evitare giuste reazioni.

Associo i fatti: mia figlia sta cominciando a capire che i compiti possono essere noiosi o faticosi. Di fatto non sono un'attività ludico creativa. Sono lunghi.... almeno all'inizio sembrano proprio non terminare mai...
La mamma non molla: "Li deve fare da sola". E in questo l'appoggio. Anche se sarà utile una sana alternanza nel supporto a Bea. 


12 commenti:

  1. Complimenti davvero a tua moglie, quando toccherà a me non so se avrò tutta questa pazienza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... oddio, mia moglie non è sembrata molto paziente... però...

      Elimina
  2. non commento per protesta dato che hai esultato per il risultato finale della partita.....vergogna

    RispondiElimina
  3. I primi mesi sono i più difficili, soprattutto per i genitori!!
    E poi in prima i compiti, di italiano specialmente, sono davvero noiosi: pagine e pagine di paroline e lettere da ricopiare... come non capirli poverini :-)
    Noi poi gli facevamo cancellare e riscrivere righe intere di letterine, ma ora, per essere in seconda, BUH ha una bella grafia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in fondo è normale... basta prendere tutto con molta calma e filosofia...

      Elimina
  4. va beh, la prossima volta per amore della concentrazione della figlia eviterò di giocare a ruzzle mentre Bea fa i compiti .... quando ha capito che io non stavo lavorando ha deciso che era troppo anche per lei!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Moglie io avevo delicatamente evitato di scriverlo, anche perchè mi sembrava che ti stessi semplicemente esercitando in italiano

      Elimina
  5. mio figlio fa da solo. non mi ci metto neppure perchè (e questo è proprio un dramma) le volte che sono stata interrogata ho avuto difficoltà a capire le richieste. una figura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... in effetti col tempo la vedo dura...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...