Bea e Filippo

Bea e Filippo

martedì 6 maggio 2014

Figli costosi e inutili!

Il Censis è spietato. Ha studiato le ricchezze degli italiani e alcune dinamiche rispetto alla gestione dei redditi. Il CDS ne ha descritto i risultai in questo articolo: "I dieci italiani più ricchi possiedono quanto 500.000 operai"
Ma dell'articolo quello che mi ha colpito maggiormente è stata la parte finale introdotta così: "Il secondo figlio raddoppia la possibilità di diventare povero". Immagino che un'affermazione del genere non si riferisca ai 10 italiani più ricchi, che probabilmente di figli ne potrebbero fare una vagonata senza problemi. Riguarda il il resto... che pare sia molto più ampio.
Ma torniamo ai figli: il secondo è un casino, col terzo il default è dietro l'angolo. Anzi, quasi certo.
Non ci sono cazzi: fare figli è stupido, inutile e dispendioso. Come cavolo ce lo devono far capire? 
Infatti una coppia senza figli, dice sempre il Censis, riduce sensibilmente il rischio di indebitamento per mutuo, bollette, affitti, rette di sta cavolo di asili nido, baby sitter, ecc.

Il figlio è una (o due o tre o quattro)  bocca in più da sfamare, un corpo da vestire, un insieme di bisogni da soddisfare. Un certo numeri di vizi certificati che non si possono eludere. I figli sono rette da pagare, spazi in più da occupare, tempo da riempire in vario modo. Ogni loro vagito, ogni loro respiro è un costo. Se poi crescono, azz.., il vortice assume contorni drammatici: corsi, feste, vacanze, vestiti, giochi elettronici, cultura, salute.

La soluzione però si staglia con una chiarezza abbagliante davanti ai nostri occhi: basta figli! 
Si risolverebbero una marea di problemi: 
- la disoccupazione: meno figli, meno potenziali rivendicatori di un posto di lavoro
- la bamboccionite: niente figli niente bamboccioni parassiti incagliati nelle case di papà e mammà!
- i debiti: senza figli una giovane coppia si può far bastare un tranquillo bilocale e quindi non è costretta a implorare un mutuo. a questo punto non necessita di un lavoro stabile: può benissimo accontentarsi del lavoro precario a vita! Che pacchia!
- i consumi inutili: niente cameretta, game boy, play station, passeggini o carrozzine, pannolini, tricicli o monopattini, bambole, libri dei dinosauri.
- le scocciature: niente asili, scuole, cartelle, quaderni, colloqui con le insegnati, compiti, niente sport (corsi di nuoto, di danza, scuole calcio del cavolo o giù di lì), pediatri ecc.
- l'illegalità: niente baby sitter in nero, ripetizioni pagate sottobanco agli stessi prof  che impongono recuperi lampo.

In fondo uno stato migliore, più ricco, più sereno.
Per incentivare questo implicito invito a non fare figli chiederei a Renzi di applicare da subito una patrimoniale speciale (non saprei come chiamarla): chi fa il secondo figlio viega ridotto immediatamente in povertà, senza passare per l'inutile agonia dell'impoverimento progressivo. Certe scelte devono essere radicali!
Quoziente familiare? Ma chi rompe le palle con queste proposte anacronistiche, idiote e illusorie? Bisognerebbe espellere questi dal parlamento! Subito!

Purtroppo io faccio parte di quei cretini che hanno il secondo figlio! Appartengo ad uno stato che però nella sua lungimiranza me lo sta facendo pagare ed in futuro probabilmente mi aiuterà a peggiorare la mia situazione. Ben ci sta (ci metto anche mia moglie)!

L'Italia merita un futuro radioso: che diventi il  Paese dell'invecchiamento sereno, tutelato e valorizzato. Che gli asili vengano trasformati in residenze per anziani. Che le scuole in circoli ricreativi per il tempo libero dei cassaintegrati o dei pre-pensionati.
E quel cazzone di Renzi (ma si facciamo fare tutto a lui) che ha parlato di rottamazione se ne torni a cuccia. Ridiamo i posti a chi se li merita, a chi ha aperto orizzonti di futuro alla nostra Italia. 
Anzi che si faccia immediatamente una legge: tutti i posti di responsabilità debbo assolutamente essere affidati a persone sopra i 75 anni. E i genitori che hanno più di un figlio (e non sono tra i 10 più ricchi d'Italia) devono essere assolutamente inibiti sia a qualsiasi posizione dirigenziale che a cariche pubbliche rilevanti.
Mettiamo le cose a posto!

E' giusto così!
Lo dice il Censis!







11 commenti:

  1. non lo dice solo il censis, lo pensano buona parte degli italiani. i bambini sono un peso morto per la società, chi li fa è solo un egoista che non pensa che al mondo siamo in troppi e le risorse non basteranno per tutti. c'è persino chi dice (ti giuro, l'ho letto in un articolo!) che con l'automazione e i robot ci sarà sempre meno lavoro e quindi mettere al mondo altri esseri umani è da pazzi. i genitori poi, utilizzano i figli come scusa per assentarsi al lavoro, andare via presto, avere privilegi. tutte queste persone che disprezzano i bambini e se ne sentono uno piangere subito additano il genitore che è "un maleducato"e non insegna l'educazione ai figli (eh certo i bambini bene educati non piangono mai!), però hanno i loro gattini o cagnolini ed esultano perchè adesso possono portarseli pure in eurostar, poco importa se il treno ha dei gradini così alti che un bambino da solo non riesce a salirli, o che non permettono il passaggio a un passeggino o alla carrozzella di un disabile. gli animali domestici sono più importanti e degli di considerazione in questo paese. queste persone poi, i figli non li fanno perchè loro hanno capito tutto del mondo e non vogliono essere così egoisti da mettere al mondo una persona che poi dovrà occuparsi di loro quando saranno vecchi (perchè si sa, il fine ultimo dei genitori è questo eh!), loro assumeranno badanti ed andranno in case di riposo. Peccato che le pensioni, le medicine, l'assistenza sanitaria gliele pagheranno i nostri figli, e peccato anche che i medici, i badanti e gli infermieri che li cureranno saranno i nostri figli. quello che dico non me lo sto inventando, è la sintesi di tante discussioni che ho avuto in rete e con persone che conosco, è la sensazione che quando hai dei figli senti addosso parlando con i colleghi, e con molte persone "child-free".
    Riguardo a Renzi, io sono ancora fiduciosa. a Firenze ha abbattuto le liste di attesa degli asili nido, ha fatto delle politiche per la famiglia che hanno dato dei risultati. voglio sperare che faccia lo stesso per sanare questo disastrato paese. non mi faccio illusioni, semplicemente sto a guardare prima di giudicare. e se dovesse deludere le aspettative, nessuna pietà, ovvio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente cerco di dare fiducia a Renzi come a tutti quelli che provano a modificare lo stato delle cose! Lo spero perchè abbiamo davvero bisogno di un cambio di rotta! ma tutto deve ruotare sulla cura e il sostegno alle famiglie e quindi ai figli che sono il futuro!!!

      Elimina
  2. Per il momento, Renzi e' l'ennesima delusione (non che ci sperassi, comunque).
    I dati del CENSIS sono solo una fotografia della realtà, quella di un paese che non vuole svecchiarsi o meglio, e' disposto ad aiutare le famiglie di immigrati ma non quelle italiane (e non e' certo colpa degli immigrati), che invece di aiutare chi cerca di crescere i figli, educarli, offrire loro cultura e sport perché crescano sani, intelligenti e capaci, rende impossibile arrivare a fine mese. Ci pensavo proprio in questi giorni: la cultura intesa come musei, zoo, concerti, parchi naturali ecc, in Italia e' carissima e chi ha figli fa sempre più fatica a offrire svaghi di livello ai figli o a se stesso. Bel modo di renderci ancora più ignoranti e pecoroni. E poi si lamentano che ci sono pochi laureati! Bel post. Ci voleva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare davvero non ci sia una vera strategia pro bambini a tutti i livelli!

      Elimina
  3. Beh, noi siamo a 3!! Che altro dire, certo una tristezza infinita ...

    RispondiElimina
  4. Io credo che tante volte si parla così giusto per far qualcosa....ed io in questi casi consiglio un sonno ristoratore. Presente con i due figli e non ho più l'età, altrimenti mi butterei sul terzo e fan...o al CENSIS!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ma il Censi registra un dato. le conseguenze o i commenti sono di pertinenza altrui. Il tema è che in Italia avere i figli non è considerato una risorsa: questo è il dramma!

      Elimina
  5. faccio parte dei "cretini " con 2 figli ma nonostante tutto e tutti rifarei la mia scelta se rinascessi altre mille volte. per lavoro ho spesso a che fare con anziani: fanno una tenerezza quelle coppie sposate da una vita che mi dicono "faccia qualcosa, sa, siamo soli io e lui/lei non abbiamo avuto figli". detto con rammarico ancora dopo tanto tempo da quella delusione, con le lacrime agli occhi.
    i figli sono veramente il nostro futuro e io ci voglio ancora credere.
    renzi o non renzi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che sono il futuro... ma va salvaguardato!

      Elimina
  6. Grazie per questo post, anch'io la penso come te. A volte sembra che al posto di un figlio sia meglio prendersi un cane o un gatto, giusto per sopperire le carenze d'affetto. Sporcano anche meno. Sigh :(

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...