Bea e Filippo

Bea e Filippo

martedì 19 marzo 2013

UN PAPA' CUOCO

L'idea è simpatica, semplice, coinvolgente.
Per la Festa del Papà colazione all'asilo con i propri figli.
Scenario particolare: solo papà, bambini e maestre.
Di mamme manco l'ombra. 
Eccomi accanto a Bea (Filippo è ammalato).
Mi prepara una fetta biscottata con la Nutella e mi offre il succo.
Si sorride. I bimbi sono contenti, e noi papà facciamo il nostro.
Non traspare nessuna voglia di andarsene al lavoro (effetto crisi?).
E' bello così.
Riscoprirsi al centro con i propri figli "solo" per essere padri!

E' il momento del regalino. 
Bambini in fila trepidanti.
Bea corre da me, è contenta perché sa che mi piacerà.
Mi consegna il grembiule da Cuoco. 
Lo ha personalizzato col disegno di una mazza da Golf e una palla nerazzurra...
Sport e cibo: binomio che lei vede in me!
Come darle torto!

Insieme al grembiule ecco anche la dedica.
Vuole che la legga subito... e lei la sa a memoria.
Simpatica, bella! Sincera.

"Caro papà oggi ho pensato
a un regalo speciale mai trovato:
un grembiulino fatto da me,
per dirti l'amore che provo per te.
Ma chi l'ha detto che solo la mamma, 
deve lavare, stirare
e poi cucinare?
Così se vorrai, stasera io e te, 
faremo il gioco più bello che c'è,
preparare una cena, davvero perfetta,
per stare insieme con gioia e senza fretta."

AUGURI PAPA'!

Sorrido con lei. 
Un abbraccio e tutti si ritorna al quotidiano.
Bea rimane ed io corro, si fa per dire, al lavoro.
Appuntamento alla cena serale che prepareremo insieme!

... nota  a margine

Ma chi l'ha detto che solo la mamma, 
deve lavare, stirare
e poi cucinare?

Nessuno, appunto!





8 commenti:

  1. Che idea meravigliosa!!! Ma tutti i papà hanno potuto partecipare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dirti quanti ne mancassero, credo decisamente pochi...

      Elimina
  2. Carino davvero. Se l'avessero organizzato da noi io ci sarei andato, liberandomi, per l'occasione, dal lavoro.
    E devo dire che anche il giorno dell'inserimento i padri erano piuttosto presenti. Certo, ero l'unico senza moglie (lei fatica di più a staccarsi dal lavoro per via di una capa un po' così), ma questo è un dettaglio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carina sì, in più era da un sacco che non mangiavo la Nutella...

      Elimina
  3. Le maestre sono donne e questa è solidarietà femminile!!!!
    Che bella idea però che hanno avuto e voi siete veramente belli!!!! :-)))

    RispondiElimina
  4. Che bella idea! ...la tua Bea é una bimba saggia...complimenti e auguri!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...